Archivio Autore: Fosco

Lunga storia triste

26
Categoria Disagio urbano

g-tvr-8.jpg

E’ l’inizio di maggio, mi sono appena lasciato e finisco con un amico ad una festa universitaria. Bevo come una spugna, probabilmente mi drogo pure, do di fuori di brutto, rimorchio una tipa e finisco a casa sua a scoparmela in ogni orifizio. Mi ricordo veramente poco di quella sera, per cui immagino vorrete perdonare la pochezza narrativa di queste righe introduttive.

Fatto sta che il giorno dopo mi sveglio a letto in una casa sconosciuta, con la vescica che mi scoppia e dei terribili postumi: nausea e conati, testa che rimbomba, occhi che pulsano e incrostati di cispa, visto che la sera prima non mi sono certo curato di togliermi le lenti a contatto. Me la prendo col Cristo e la sua mammina santa per quanto faccio schifo, mi alzo sui gomiti e cerco di rimettere insieme le idee, trattenendo al contempo gli infernali conati che mi assaltano.

Mi guardo intorno ancora assonnato. La stanza è un napolaio di prim’ordine: niente mensole e tutto quello che normalmente dovrebbe starci sopra (libri, dischi, ecc) è appoggiato a terra, vari scatoloni di cartone sembrano supplire all’insufficienza del piccolo armadio e, in generale, roba rammontata ovunque. Sulla parete fa bella mostra di sè un poster di Bob Marley e l’aria è densa di uno strano indefinito fetore, come di cane bagnato e cassonetto al sole.

Ho un brivido. Che razza di troll può abitare questa spelonca? Read More »

Cinque uomini, un cadavere e un cazzo in mano: dramma in 4 atti

17
Categoria Disagio urbano

Era qualche anno fa. Il sottoscritto studiava all’università e tirava su due soldi facendo quello che capitava. In quel periodo lavoravo per un’impresa di pompe funebri: vestire i morti, chiuderli nella bara, portarli in chiesa e al cimitero, fingerti empatico con i parenti, assecondare le loro richieste del cazzo, che non sia mai che il morto ci resti male… quelle cose lì, insomma.

Fu una grigia e piovosa mattina di autunno che io e compari venimmo spediti ad un funerale, nella rupestre e rurale campagna a nord di Prato. L’allegra quando malaugurata armata Brancaleone era composta, oltre a me, da:

  • Pasquale: un lardoso terrone dalla non meglio precisata provenienza, stupido e ignorante come le bestie. Nonostante vivesse in Toscana da più di 30 anni, si esprimeva esclusivamente in quella inascoltabile mistura di indefinito terronide e pratese, tipica degli emigrati che non hanno mai imparato l’italiano, nè a casa loro nè qui.
  • Christian: un tossico talmente rincoglionito da cocaina e pasticche da sembrare più un handicappato mentale che un drogato. Aveva ottenuto il lavoro grazie all’intercessione di qualcuno dei servizi sociali, per la gioia dei suoi familiari, visto che quando non aveva i soldi si vendeva qualunque cosa trovasse in casa per pagarsi la droga. Di nobili natali: la madre era una vecchia mignotta locale e il padre un catanese che faceva i portafogli sul 20.
  • Leonardo: un segaligno e attempato frocione che somigliava a don Diego de la Vega con 30 anni in più. Spocchioso, supponente e con la toscanissima abitudine a non prendere nulla sul serio e a sfottere il prossima ad ogni occasione. Un mito!
  • Mbaye: un bravo ragazzo senegalese, il più serio e affidabile del gruppo, ma soverchiato dal preponderante disagio.

Read More »

Il regalo del cinese

13
Categoria Disagio urbano

Cari degenerati, buonasera. La seguente tragica storia di vita vissuta fu scritta dal sottoscritto e inviata alla pagina Facebook di Laydo, per essere inserita tra i racconti dei lettori. Vista l’ennesima chiusura della pagina e la mia conoscenza diretta con uno degli admin di questo sito di merda, eccovela qua, rivista e corretta.

Dovete sapere che il sottoscritto faceva il portiere di notte in un sordido albergetto fuori città. Ci tengo a precisare che non sono uno di quei diti in culo con l’unghia rotta che commentavano sul blog firmandosi Eva Peres, Mago Otelma e loro compari.

Nonostante ciò credo che la situazione fosse più o meno simile alla loro. L’albergo è in periferia, su un nodo stradale molto percorso tra Firenze, Prato e Campi Bisenzio, e abbastanza a buon mercato, il che lo rende l’ideale per ragazzi che non vogliono scopare in macchina o, più facilmente, coppie clandestine e puttanieri con relativa mignotta. Alcuni anche abituali.

Uno dei suddetti puttanieri abituali era un cinese abbastanza danaroso che si presentava spesso con al seguito troiona variabile.

Arriviamo quindi alla sera in cui il suddetto muso giallo mi sbuca dalla porta, poco dopo mezzanotte, in compagnia della classica figa pseudo-loli asiatica che nei film porno non capisci mai se le piace o se si lamenta (ed è il suo bello).

Si avvicina la banco ridacchiando, ammiccando alla tipa e sputacchiando qua e là dalle esagerate fessure tra i suoi denti storti. Cioè quello che fa sempre. In ogni caso gli do le chiavi della sua camera preferita e mi rimetto tranquillamente a farmi i cazzi miei.

Estraggo da un cassetto l’autobiografia di Frank Zappa, mi sbraco sul divanetto e mi metto a leggere. Read More »