Categoria: Catarsi addosso

L’era del post-x: lettera aperta ad un popolo di svantaggiati

25
Sezione: Catarsi addosso

Siamo passati dall’era della post ideologia, che ha spazzato via quasi un secolo di valori e principi, all’era della post verità, in cui non esiste più il vero o il falso ma tutto diventa opinione. Peggio, siamo nell’era del post it, in cui tutto deve essere espresso in una manciata di parole, perchè il lettore medio già alla seconda riga accusa un calo di zuccheri per lo sforzo e alla terza ha un ictus e dà la colpa alle scie chimiche. Peggio ancora, siamo nell’era del post su Facebook, in cui qualunque cazzata, con poche righe scritte ad hoc, in maiuscolo e con piglio anticasta può raccogliere consenso e diffusione da migliaia di persone che nemmeno l’hanno letto.

Ma tranquilli, Geppe ha la soluzione. Come si fa a sapere se una notizia è vera o falsa? Semplice, basta chiederlo allaggente. I vaccini fanno diventare autistici? L’euro ci ha rovinati? Ci stanno avvelenando con gli OGM? Il blog di Geppe è una macchina per far soldi? La stampa è corrotta e vi mente, ma non preoccupatevi. Un onesto e competente pool di casalinghe di Voghera, manovali di Casalpusterlengo e disoccupati di Afragola si occuperà di certificare le verità a cui potrete ciecamente credere.

E voi siete la feccia decerebrata che si pascerà di questo Völkischer Beobachter in salsa grillesca, così come vi pascete di tutti i cazzo di merdosi opinionisti che appestano questo paese. L’opinionista è già di per sè una figura ributtante, al servizio chi non ha la testa per farsi una propria opinione, partendo dai fatti, ma ha comunque bisogno di qualcosa di cui parlare coi suoi pari al baretto. Adesso però stiamo andando ben oltre.

Voi siete la massa di idioti che, privi dei necessari strumenti culturali per far fronte ad un prepotente bias di conferma, non vogliono notizie vere per tenersi informati, ma semplicemente notizie che confermino le proprie convizioni. Voi non volete che qualcuno vi dica la verità. Volete semplicemente che vi si dica che avete ragione. Leggi tutto »

Speriamo che non è schifo!

23
Sezione: Catarsi addosso

venerdì 1 aprile
Firenze centro
ore 22:15 circa

Io e l’amico Bercio varchiamo la soglia di un noto locale della zona, di cui siamo clienti abituali, con un ghigno satanico dipinto in volto. Dietro il banco ci attende il barman Cecco, al suo ultimo weekend di lavoro, che ci accoglie con un espressione carica di altrettanto luciferina soddisfazione.

Il locale si sta riempiendo, come consueto, oltre ai soliti habitué, della classica quota di turisti e studenti stranieri, in prevalenza americani e inglesi. In fondo, sul piccolo palco allestito per la musica live, T.C. sta barbonamente approntando ciarpame per il suo classico unplugged gradevole quanto un chiodo rugginoso piantato nel glande.

T.C., dove T. sta per un nome angloamericano e C. per un cognome italoterrone, è un obeso lercione del New Jersey in infradito che vive da diversi anni a Firenze, sbarcando il lunario con pezzenti unplugged di cover, in  attesa di diventare una star.

Il grasso ominide, riunendo in sè la dabbenaggine americana e la cazzimma terronide, è uso tentare costantemente di fottere il prossimo ma, essendo  stupido come un tacchino down, finisce regolarmente col far scoprire i propri malaffari.

Per carità, non si parla di roba grave e delinquenziale, ma di atti meschini e miserabili tipo la maldicenza volta a rovinarti la piazza con qualche donna o rubarti la birra dando la colpa a qualcun altro. Il tutto corredato da un’eccessiva e ostentata cordialità, con sorrisi, strette di mano, abbracci e un grande spreco di bro.

Fu così che questo soggetto da schiaffi sul cazzo, ottenne il prevedibile risultato di restare sulle palle un po’ a tutti quanti abbiano avuto modo di conoscerlo, compreso lo staff dei locali, i clienti, i negri che vendono carabattole per strada, i bangla con le rose e, ovviamente, noi due.

Anzi, noi tre.

Facciamo due saluti, reclamiamo il nostro posto al banco, ordiniamo due birre e, con lesto movimento da spacciatore magrebino, deponiamo un pacchetto nelle mani del trepidante Cecco. Leggi tutto »

Kopi Luwak (una storia di disagio e di merda fumante)

54
Sezione: Catarsi addosso

E’ uno di quei locali dove vai solo perchè proprio non puoi farne a meno, normalmente per accontentare una portatrice di vulva che vuoi scoparti.

In genere lo capisci subito dal nome, appena ti viene proposto, in che razza di indegno cacatoio pretenzioso ti toccherà pagare a caro prezzo l’insulto alla tua stessa intelligenza che ti appresti a subire col sorriso sulle labbra. Evocativi rimandi a (presunti?) ambienti lavorativi che precedentemente occupavano la struttura: “L’antica Fonderia”, “Il Bottonificio”, “La Manifattura Centrale” e altri nomi che, dietro un’immagine chic ma informale che fa arrapare gli hipster, celano oscure promesse di sodomia culturale, intellettiva e pecuniaria.

Ma la tipa ha un iPhone e un profilo su Tumblr, indossa grossi occhiali di plastica nera, un cappello fedora e talvolta (per fortuna non stasera) quelle orride Brogue coi buchini, per cui non resta che mordere il cuscino e sperare che là dietro non faccia poi così male.

Che poi, veniamo un attimo allo “chic”, che in questi ricercati concept restaurants si declina in shabby chic. Per attenerci ad una definizione ufficiale, potremmo dire che si tratta di un particolare stile di interior design dall’aspetto vissuto e dal sapore retrò, dove tutto sembra messo lì un po’ per caso ma in realtà è studiato fin nei minimi dettagli.

Ora arriviamo ad una definizione più onesta e realistica che può ragionevolmente essere economico ciarpame, spacciato per raffinato design che sapientemente simula economico ciarpame.

Il carpiato concettuale è ardito ma efficace. In poche parole arredi il tuo locale con vecchia monnezza che non stonerebbe in una topaia di Nairobi, rivolgendoti ad una raffinata clientela che non vedrà vecchia monnezza, ma un ricercato lavoro di stile che vuole sembrare vecchia monnezza.

Sì, sono scemi.

Ma pecunia non olet e io apprezzo chi si fotte brutalmente nell’ano questi sofisticati piglianculo. Non apprezzo invece chi mi trascina al loro livello, ma questo è un altro discorso. Leggi tutto »

“Noi aggrediamo il futuro!” ovvero: Il lavoro ai tempi della merda

62
Sezione: Catarsi addosso

Mattina: mando uno sproposito di curriculum rispondendo a random un po’ a tutti gli annunci trovati in rete.

Primo pomeriggio: DRIIIN.

“Pronto?”
“Prontobuongiornolastochiamandoinmeritoallasuacandidaturaperlannunchioche…”
“Eh?”
“Buongiorno, la sto chiamando in merito alla sua candidatura per il nostro annuncio di lavoro.”
“Ah, buongiorno.”
“Buongiornonoistiamocercandopersoneperlavorodifrontofficebackofficesegr…”
“Scusi?”
“Le dicevo che stiamo cercando persone per lavoro di front office, back office, segreteria, magazzino, gestione commerciale e varie altre posizioni. Vorremmo fissarle un colloquio conoscitivo. Potrebbe venire oggi pomeriggio alle 18:00?”
“Guardi, purtroppo oggi pomeriggio ho un impegno da cui non posso liberarmi.”
“Ok, forse trovo un buco domattina alle 9:00.”
“Sono desolato, ma…”
“Alle 10:00?”
“No, vede…”
“Alle 11:00?”
“Ok.”
“Perfetto, venga domattina con il curriculum stampato!”
“Mi scusi, ma di che azienda di tratta?”
“Masdfgarehgrf.”
“Come, scusi?”
“Mastrsrvc.”
“Abbia pazienza, ci deve essere la linea disturbata.”
“Master Service.”
“Ah, capito. E di cos…”
“Mi raccomando, domani alle 11:00 in via xxxxxx XX all’Osmannoro. E si ricordi il curriculum.”
“Certamente. Buonas…”
Clunk.

Leggi tutto »